Lili Marleen – Baustelle testo

Testo Baustelle – Lili Marleen

Siamo bambini rapiti sepolti in un bar.
Guardiamo la Senna che passa e che va.
Parigi è una stella, non è una città.
Paghiamo il conto in fretta.
Ragazzi terribili delle SS.
Hanno già fatto irruzione in hotel.
Amore non piangere, vieni con me.
Scivoliamo via.(lili marleen)

Mentre facciamo l’amore.
Sentiamo sparare.
Voci che gridano il nome di Allah.
Il fiato si gela con freddo che fa.
Lili Marleeeen.
Auf Wiedersehen.
Mourir en scene.
Ca fait combien?
Lili Marleeeen.
Lili je t’aime.
Joseph Kosma et Jacques Prevert.
Ich will dich.

Io mi ricordo i tuoi occhi.
Venati d’inverno.
La voce di Bowie su Spotify.
Un giorno di nuovo mi sorriderai.

Lili Marleen.
Auf Wiedersehen.
Mourir en scene.
Ca fait combien?

Adesso per chi canterai.
E con chi dividerai.
Le sigarette della guerra.
Chi eravamo noi.
Te lo ricorderai.
Un cancro.
Un’eresia.
Due cani in sagrestia.

Lili Marleen.
Auf Wiedersehen.
Mourir en scene.

Ca fait combien?
Lili Marleen.
Lili je t’aime.
Apollinaire et Jacques Prevert.

Lili Marleeeen.
No, rien de rien.
Mourir en scene.
Ca fait combien.
Lili Marleeeen.
Lili je t’aime.
Michel Houellebecq et Jacques Prevert.

Dio che muovi l’amore e la morte.
La violenza, le salme risorte.
Lo scirocco che sbatte le porte.
La tastiera del mio pianoforte.
Vivi dentro i ricordi, le chiese.
E i kalashnikov dei kamikazeee.
Testo da Baustelle
Video Lili

Lili Marleen – Baustelle testo
lili marleen - baustelle
Scroll to top